Riqualificazione Energetica: il futuro è in mano all'edilizia verde

//Riqualificazione Energetica: il futuro è in mano all'edilizia verde

Riqualificazione Energetica: il futuro è in mano all'edilizia verde

Il futuro è in mano all’edilizia verde, a guidare il trend positivo è il campo delle ristrutturazioni e riqualificazione energetica.

In un periodo in cui non si fa che parlare di crisi, è piacevole poter riscontrare qualche notizia positiva e incoraggiante; si parla del settore dell’edilizia sostenibile, che dopo aver creato ad oggi 236.000 posti di lavoro potrebbe arrivare entro fine 2017 a raggiungere quota 400.000, una previsione assolutamente rosea.

Il settore della riqualificazione energetica è l’unico ambito a registrare un trend positivo nel campo delle costruzioni, crescendo negli ultimi due anni del 20% e rappresentando oggi il 70%del mercato complessivo. Il fatto che l’edilizia verde possa portare un incremento dei posti di lavoro è dovuto anche al programma di agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni e quelle per gli interventi mirati alla riqualificazione energetica, di cui hanno usufruito quasi metà delle famiglie del nostro paese, sia in modo diretto che indiretto.

Stando alle previsioni di GreenItaly questa tendenza è destinata a rafforzarsi infuturo: il mercato del nuovo andrà sempre più diminuendo, mentre quello delle ristrutturazioni sostenibili continuerà a crescere. 
D’altra parte, in Italia la maggior parte delle abitazioni sono datate e in cattive condizioni: il 61% ha più di quarant’anni e presenta un elevato consumo energetico, che va dal 40 al 45%. Il 60% degli edifici è stato realizzato prima del 1976, data in cui è stata introdotta la legge sull’efficienza energetica, mentre il 25% non è mai stato sottoposto ad alcuna riqualificazione energetica.

Con un intervento pesante il risparmio energetico di un immobile può andare dal 30 all’80% ma anche con piccoli miglioramenti graduali nel tempo si può arrivare a un risparmio del 10-20%.

Il futuro sarà sempre più green e in edilizia a fare la differenza saranno non tanto le nuove costruzioni quanto le ristrutturazioni.

By | 2017-05-22T21:41:41+00:00 22 maggio 2017|Notizie|0 Commenti

About the Author:

Caricando...