23 giugno 2021 - Pitture termoriflettenti

Pitture-nanotecnologiche

Negli ultimi anni le ricerche tecnologiche in campo edile si sono sempre più indirizzate verso lo sviluppo di materiali innovativi ed eco-sostenibili, da utilizzare in alternativa ai materiali da costruzione tradizionali. Ciò ha il triplice scopo di: contenere i consumi energetici, migliorare le prestazioni in termini di comfort domestico e assicurare un maggior grado di sostenibilità all'edificio. Le pitture nanotecnologiche rispondono perfettamente a tutte e 3 queste esigenze.

Le vernici nanotecnologiche sfrutta la tecnologia a livello molecolare per migliorare la riflettanza del calore e assicurare così all'immobile migliori prestazioni energetiche. All’interno di queste pitture sono presenti microsfere di ceramica che isolano e riflettono i raggi solari e nanoparticelle di biossido di silicio che le rendono idrorepellenti.

In questo modo si genera una specie di effetto thermos che mantiene la temperatura della casa più stabile, trattenendo il calore (o la frescura) all’interno. Ciò assicura il massimo comfort abitativo, con un considerevole risparmio economico sulla bolletta energetica.

Le pitture nanotecnologiche sono sostenibili?

La sostenibilità di questi prodotti è direttamente collegata al risparmio energetico che le pitture termoriflettenti permettono di ottenere. L’applicazione della vernice nanotecnologia sulle facciate cementizie migliora l’isolamento dell’involucro dell’edificio, contribuendo alla riduzione dei consumi di energia per la climatizzazione degli ambienti.

Il microrivestimento che si viene così a creare consente la riflettanza della regione infrarossa del calore, portando a un risparmio di energia. 

La casa è più efficiente, dal punto di vista energetico e l’ambiente ringrazia. In questo modo, infatti, c’è minore dispendio di energia per riscaldare e rinfrescare gli spazi interni e una minore emissione di CO2.

Le migliori pitture nanotecnologiche sono prodotte nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale anche per quanto riguarda i materiali: calce NHL, calce idrata, cocciopesto, perlite espansa rivestita, vetro cellulare, inerti leggeri e leganti naturali sono tra i componenti più utilizzati. Inoltre la nanosfera ceramica è perfettamente compatibile con le realizzazioni di bioedilizia.

Le pitture edili, grazie alle nanotecnologie, aiutano l’ambiente e le persone a vivere meglio.

Pitture termoriflettenti VS Cappotto Isolante

Come ho spiegato dettagliatamente le pitture termoriflettenti permettono di realizzare un isolamento “a basso spessore”, ideale per tutti quei manufatti in cui l’isolamento a cappotto risulta impossibile o deturpante per l'edificio. 

Grazie alle pitture nanotecnologiche è possibile ridurre il flusso termico:

  • In uscita (dall’ambiente interno verso l’esterno freddo), limitando così perdite di calore e dispersioni
  • In entrata (cioè verso l’interno del manufatto), mantenendo stabile la temperatura interna

In soli 5 mm di spessore è possibile ottenere delle rasature dalle prestazioni eccezionali, aventi un’inerzia termica pari a quella di un mattone refrattario, e valori di resistenza termica elevati, irraggiungibili da qualsiasi pittura tradizionale.

Soprattutto nel caso di restauro e riqualificazione di edifici vincolati le pitture nanotecnologiche si rivelano l'unica soluzione possibile per risolvere problemi di riscaldamento, senza dover ricorrere a lavori imponenti o interventi che rischiano di alterare l'aspetto estetico della facciata.

Se stai cercando prodotti per una ristrutturazione sostenibile, le vernici nanotecnologiche sono la soluzione ideale.

Ovviamente è consigliato selezionare attentamente i prodotti da utilizzare, assicurandosi pitture certificate e rispondenti alle richieste del legislatore per quanto riguarda i CAM - Criteri Minimi Ambientali. Solo in questo modo è possibile usufruire dei bonus fiscali messi a disposizione dal Governo, come il SuperBonus 110%.

Scopri di più nella Guida Gratuita che abbiamo scritto per te.

New call-to-action

Stefano Silvestrin

Scritto da Stefano Silvestrin

Da oltre 10 anni mi occupo della distribuzione di materiali nanotecnologici per l’edilizia, seguo processi industriali applicativi, nel mondo della ceramica e dei pannelli fotovoltaici, individuando le reali possibilità applicative delle nanotecnologie per dare risposte concrete per l’efficientamento energetico degli edifici. Materiali a basso spessore e nanotecnologici per la protezione delle superfici sono la mia specialità.