02 luglio 2020 - Bonus Facciata

bonus-facciata-detrazioni-fiscali

Il bonus facciata è lo sconto fiscale che incentiva il rinnovamento estetico degli edifici delle città italiane e consente di recuperare il 60% dei costi sostenuti nell’arco dell’anno 2022 per migliorare l'esterno della casa.

Bonus facciata come funziona

Il bonus facciata è una detrazione dall’imposta lorda (Irpef o Ires) che viene concessa in occasione di interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna del tuo edificio, non solo per interventi di risparmio energetico ma anche per lavori di manutenzione come pulitura o tinteggiatura.

Per capire meglio, nello specifico, il bonus facciata come funziona, devi sapere che:

  • Potrai detrarre il 60% delle spese documentate che sostieni nel corso del 2022 (o per i soggetti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, nel periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2022);
  • Le modalità di ripartizione della detrazione prevedono la suddivisione in 10 quote annuali uguali;
  • Una delle particolarità del bonus facciata 2022, che lo differenzia da tutte le altre agevolazioni per interventi sugli immobili deliberate fino a questo momento, è che non hai limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.

Bonus facciata: a chi spetta

Possono usufruire del bonus facciata 2022 inquilini e proprietari, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, persone fisiche e imprese, purché realizzino interventi di recupero o restauro esclusivamente della facciata esterna degli edifici.

Sono “ammessi” al bonus facciata sia le persone fisiche (compresi gli esercenti arti e professioni), che gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, ma anche le società semplici, le associazioni tra professionisti e tutti i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali).

Non possono usufruire del bonus facciata, invece, i cittadini che possiedono esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva.

Condizione ulteriore per usufruire del bonus facciata è che gli immobili si trovino nelle zone A e B (indicate nel decreto ministeriale n.1444/1968) o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.

Che lavori si possono fare con il bonus facciate?

Il bonus facciate permette di detrarre le spese relative a interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna di edifici esistenti, parti di essi, o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, compresi quelli strumentali all’attività d’impresa, arte o professione.

Non è prevista, invece, alcuna detrazione per gli interventi effettuati durante la fase di costruzione dell’immobile o realizzati mediante demolizione e ricostruzione, compresi quelli con la stessa volumetria dell’edificio preesistente, inquadrabili nella categoria della “ristrutturazione edilizia” (articolo 3, comma, 1, lett. d del Dpr n. 380/2001).

Categorie escluse

Non hanno diritto al bonus coloro che sono in possesso esclusivamente di redditi derivanti dall’esercizio di attività d’impresa o di arti o professioni che aderiscono al regime forfettario, in quanto il loro reddito è assoggettato a imposta sostitutiva.

Solo nel caso in cui tali soggetti fossero in possesso anche di redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo, allora rientrerebbero in gioco per il bonus facciata 2022.

 

Rispetto al bonus facciate 2021, che prevedeva la possibilità di detrarre il 90% delle spese, la percentuale di costi da portare in detrazione è nettamente diminuita, tuttavia è ancora conveniente usufruirne, per migliorare l'estetica e l'efficienza di un immobile.

Va però specificato che uno dei requisiti fondamentali per ottenere il bonus facciata è la certificazione di tutte le procedure e i prodotti.

Contattaci per una consulenza: ti illustreremo come il nostro manufatto di sistema può rispondere a tutte le tue esigenze e permetterti di richiedere il Bonus.

 

mettiti in contatto con lo specialista

Ndr: questo articolo è stato scritto originariamente nel 2020 e aggiornato alle normative attuali

 

Stefano Silvestrin

Scritto da Stefano Silvestrin

Da oltre 10 anni mi occupo della distribuzione di materiali nanotecnologici per l’edilizia, seguo processi industriali applicativi, nel mondo della ceramica e dei pannelli fotovoltaici, individuando le reali possibilità applicative delle nanotecnologie per dare risposte concrete per l’efficientamento energetico degli edifici. Materiali a basso spessore e nanotecnologici per la protezione delle superfici sono la mia specialità.